Galatine – Dolci Come Baci (ma solo di Mamma)

È arrivata l’ora della merenda! Forza, porgete la guancia che vi do un bacino!
Se Kinder pensava di avere il monopolio del mondo degli snack dolci si sbagliava di grosso. A dar del filo da torcere all’azienda per cui nutro inesistente amore arrivano le Galatine. Guardiamo lo spot!

Un bimbo1 esce di casa, sotto lo sguardo amorevole di una donna adulta, mangia una Galatina-bacio e incontra un altro piccolo che si pappa una delle due restanti. Ecco un’altra donna adulta che ha dato due Galatine-baci a un altro bambino. Poi bimbi e bimbe con guance e fronti coperte da Galatine-baci salutano con enfasi quattro donne adulte che ricambiano da fuori.
Poi ancora…un’altra donna adulta accarezza il capo di un altro bambino e un’ulteriore donna adulta bacia una bimba e le dà un Galatina-bacio. D’altronde la narratrice ce lo dice – mentre una bimba ci fa gli occhi dolci, coperta di Galatine – che le Gallatine son buone come baci. Parliamone.

Continua a leggere

Acchiappacolore Grey – La Migliore Protezione per i Tuoi Stereotipi

I miei sensori mi allertano del fatto che è da un po’ che non si parla di faccende domestiche. Lettrici, lettori. Non possiamo lasciare queste preziose pubblicità sole a prendere polvere.
E allora torniamo a parlare di un marchio che ha fatto il suo glorioso debutto sul blog pochi mesi fa. Bentornato, Grey! Non ci sei mancato neppure un po’.

Porca miseriaccia truffaldina! La maglietta bianca si è tinta di rosa, nell’amarezza della casalinga protagonista e nello shock rabbioso della sua giovane figlia. Fortuna che c’è il prode narratore a introdurre loro e noi all’esistenza de L’Acchiappacolore Grey. E ora che la maglietta è tornata bianca, mamma e figlia possono…indossare cuffie e ballare insieme in modo random nella cameretta della più giovane. Che altro, sennò? Parliamone.

Continua a leggere

Credem – La Banca per chi Crede negli Stereotipi

Dopo un’assenza relativamente prolungata, torna a farci visita il settore dei servizi, in particolare quello dei servizi bancari e finanziari. Per le banche potrebbe persino trattarsi di un esordio, qui sul blog! Ma l’occasione non è festosa. Guardiamo insieme lo spot di Credem Banca.

Uomo in un campo di grano che osserva un vecchio casolare. Crede che non ci sia niente di più concreto di un sogno. Donna nella vasca da bagno con un bambino o una bambina. Crede che investire nel futuro renda felici nel presente. Poi uomo che si gode l’auto sportiva dei suoi sogni. Un altro che crede di dover credere nel suo progetto. E mentre lo spot si chiude con il narratore che ci presenta Credem, ci sono un altro uomo alla guida (con due donne passeggere), un uomo anziano che insegna a (presumibilmente) un bambino a lavorare il legno, e poi ancora un uomo che accoglie un altro uomo nel suo ufficio. In sequenza volto di signor grano, signora vasca e signor banca. Fine spot. Parliamone.

Continua a leggere

Ocean 47 – Pensando al Futuro, Rappresentando il Passato

A volte ritornano! Non sto parlando di un’azienda, ma di un intero schema comunicativo che abbiamo visto più e più volte, sebbene sia andando scemando negli ultimi mesi. Di contro, il marchio mi era completamente sconosciuto prima di vedere lo spot. Lasciate che vi presenti Ocean 47 con la sua nuova – vecchia – pubblicità.

Un uomo osserva terra dopo il salpaggio, con un senso di solennità acuito dal sottofondo musicale dai sapori epici e una serissima voce maschile che per gravità potrebbe quasi (ma quasi) competere con quella dello spot Unicum. Altri uomini sul peschereccio, qualche altro a terra, poi a tirar la fune. E prima di concludere il tutto sull’immagine di un altro uomo che osserva l’orizzonte, possiamo cogliere la vista di una persona di rosa abbigliata che serve i Cuori di Nasello Ocean 47. Parliamone

Continua a leggere

Leerdammer Break – Lo Snack Stereotipato da Portare con Te

Con l’articolo di oggi continuiamo a sguazzare nel mondo alimentare. Il tipo di prodotto non è del tutto nuovo (si era già parlato di formaggi), ma l’azienda bussa alla porta del blog per la prima volta. Vediamo allora che cosa presenta Leerdammer, tra familiarità tanto di volti quanto di stereotipi. Ringrazio Disagio Triste per la segnalazione!

Mentre un uomo è impegnato nella degustazione – quasi a mo’ di fate l’amore con il sapore – del formaggio Leerdammer, l’amica seduta accanto a lui gli racconta la sua esperienza con lo yoga. L’uomo proprio non vuole che qualcuno o qualcosa turbi il suo magico momento alimentare e pensa bene di mettere a tacere la donna facendo leva sul fatto che lui non abbia dato fastidio a lei mentre faceva yoga. Dopo la presentazione del prodotto eseguita dalla voce del protagonista, lo spot si chiude con lui e l’amica che mangiano, mentre lui gesticola in coerenza con quanto prima affermato. Parliamone.
Continua a leggere