Sguardi al Passato e al Futuro con l’Energia di Eni ed Enel

Oggi parliamo di energia, con gli spot di due diverse aziende – una esempio negativo (e ringrazio Ilaria per avermela segnalata), l’altra esempio positivo, come già era stata in passato. Vediamo dunque le recenti proposte comunicative di Enel ed Eni, partendo da quest’ultima.

Due donne siedono sul divano a degustare vino, e parlano chiarissimamente di fornitori di gas e luce, in totale assenza di esilaranti paralleli con uomini, compresi di allusioni sessuali. Arriva infine il narratore a descriverci i benefici di Eni gas e luce. Parliamone.

Continua a leggere

Activia – Lo Stereotipo Inizia da Dentro

Vi erano mancati gli spot con inutile targetizzazione per sesso? Immagino che la risposta sia no, ma la nuova pubblicità Activia ve la beccate lo stesso. Vediamola subito.

Cosa c’è nella vostra giornata, donne la cui immagine scorre in modo graficamente delizioso nella sagoma di Activia? Impegni, corse ovunque, pasti disordinati, strappi alla regola? Di più e di più. E tutto questo influenza l’equilibrio del vostro intestino! Quindi fate come donna 1, donna 2, donna 3, donna 4, donna 5, donna 6, eccetera, e consumate Activia!

Continua a leggere

Supradyn – Per Sentirti più Sessista

Vi avverto.
Quella che sto per presentarvi è una delle peggiori realizzazioni pubblicitarie che ricordi di aver visto negli ultimi tempi. In un formato che fonde la struttura dello spot classico alla durata di un messaggio promozionale, Supradyn ha deciso di stupirci ancora. Una cosa è certa. Mentre il 76% delle donne italiane è stanco, secondo dubbie statistiche non meglio precisate né dotate di valore, all’azienda l’energia per supportare gli stereotipi non manca affatto. Vediamo il video, va’.

Una carica voce maschile si esibisce in esternazioni motivazionali, mentre osserviamo lo sguardo deciso e piedi pronti a scattare di una donna che si sta preparando a compiere la grande impresa che le si para dinanzi. Purtroppo la missione spingi-carrello (che pensavate?) fallisce causa stanchezza. Compra questo per marito, questo per figlie, metti a posto…e lo credo che la signora non ce la fa più. Supradyn viene presentato immediatamente dopo il susseguirsi di due felicissime, appropriatissime e divertentissime battute (sul vendere marito e figli o farla finita) e in men che non si dica – giusto il tempo di domandarsi se si è sentito correttamente – lo spot è finito. Parliamone.

Continua a leggere

Fanta – Italiana dalla Nascita, Mai un Passo Avanti

Mie e miei prodi, a quanto pare è periodo di gloriosi ritorni.
Ah, che bello poter assistere alla crescita comunicativa delle aziende che, con coraggio e creatività, lasciano dietro sé gli stereotipi per lanciarsi verso un futuro di libertà.
Ma, no. Non è questo il caso, perché Fanta è ferma, fermissima, esattamente dov’era con lo scorso spot. Vediamo il nuovo.

Un ragazzo e una ragazza stanno facendo i compiti, mentre una losca figura aleggia dietro di loro. Al grido di “Pausa!” la figura si mostra a noi e a loro. È proprio lei. Donna. Porta dei tramezzini, apre la Fanta e versa la Fanta. Ragazza e ragazzo bevono Fanta e si divertono con un’applicazione. Donna si unisce e comincia a ballare a ritmo. Lo spot si chiude con la narratrice che invita il target inteso come di riferimento (grande mistero su quale sia) a fanta-divertire i suoi ragazzi con Fanta. Parliamone.

Continua a leggere

Galatine – Dolci Come Baci (ma solo di Mamma)

È arrivata l’ora della merenda! Forza, porgete la guancia che vi do un bacino!
Se Kinder pensava di avere il monopolio del mondo degli snack dolci si sbagliava di grosso. A dar del filo da torcere all’azienda per cui nutro inesistente amore arrivano le Galatine. Guardiamo lo spot!

Un bimbo1 esce di casa, sotto lo sguardo amorevole di una donna adulta, mangia una Galatina-bacio e incontra un altro piccolo che si pappa una delle due restanti. Ecco un’altra donna adulta che ha dato due Galatine-baci a un altro bambino. Poi bimbi e bimbe con guance e fronti coperte da Galatine-baci salutano con enfasi quattro donne adulte che ricambiano da fuori.
Poi ancora…un’altra donna adulta accarezza il capo di un altro bambino e un’ulteriore donna adulta bacia una bimba e le dà un Galatina-bacio. D’altronde la narratrice ce lo dice – mentre una bimba ci fa gli occhi dolci, coperta di Galatine – che le Gallatine son buone come baci. Parliamone.

Continua a leggere