Kinder – Semplice come uno Stereotipo

Come dite? “Che fine ha fatto Kinder?”
Non torna a trovarci da un bel pezzo, eh? C’è una ragione, un’ottima ragione, mie care e miei cari. E no, la ragione non è che ha iniziato a fare spot non stereotipati. Vi pare mai? La così tradizionalmente italiana Ferrero? Stavo solo aspettando di accumulare una manciata di spot per proporli tutti e vedere insieme a voi gli zero virgola niente passi avanti fatti dall’azienda (che va ancora in onda anche con questo, questo, uno di questi e, sì, persino quest’altro!!). 💋 Partiamo con Kinder Colazione Più!

Ecco a voi l’arzillo Lorenzo, che impiega un’ora a farsi la barba, Camilla che impiega 3 ore per trovare qualcosa da mettersi, Mattia che ne impiega 2 per arrivare in cucina. Cucina in cui lo attendono Mammà, colazione e il fratellino più piccolo. Lo scoppiettio della confezione di Kinder Colazione Più ed ecco che si fiondano anche SbarbaMan, NonHoNientedaMettere e ‘MazzaCheSonno. La famigliola mangia insieme e insieme esce di casa.

Continua a leggere

Kinder Gran Sorpresa? Non Proprio Gran, ma Qualche Sorpresa c’è

Diamo a Kinder quel che è di Kinder.
E se seguite il blog da tempo, sapete che quel che riservo a Kinder sono solitamente sentiti rimproveri. Con l’articolo di oggi voglio fare il punto della situazione Pasquale del marchio a distanza di un anno dal primo articolo sul tema. Sarà cambiato qualcosa? E se sì, sarà cambiato in meglio o in peggio? Posso anticipare che la questione è simile a quella relativa all’ultimo spot sulle barrette. Vediamo come e perché, passando in rassegna i quattro spot Kinder per la Pasqua 2019. Ho il sentore che sarà un articolo piuttosto lungo…

In versione esploratore, il coniglio Kinder sta fuggendo dai dinosauri. Ma i cari esseri preistorici non erano nella foresta, bensì in una casa, assieme a due bambini, una bambina, e una signora. Sbrigatevi ad acciuffarli, prima che si estinguano! Rassegna di 4 uova con confezione sull’azzurro e fine. Proseguiamo con il secondo spot.

Continua a leggere

Kinder – Il Cioccolato degli Stereotipi, Tra Sovversione e Rinforzo

Oggi torna a farci visita quell’azienda che perpetua gli stessi stereotipi con una costanza così tanto ostinata da generare in me un fastidio con pochi precedenti. A sorpresa, però, stavolta non si becca solo parole negative. Vediamo cosa ci riserva la cara Kinder con l’ultimo per le sue barrette.

Una piccola pirata osserva l’orizzonte e punta il suo prossimo obiettivo. Eccola che passa all’azione e con mano lesta afferra il bottino presente sulla nave. La scenetta termina con il confronto tra lei e il pirata che capitana la nave derubata. Il tanto ambito tesoro è costituito da barrette Kinder Cioccolato. Con gran tempismo spunta una figura adulta che consiglia al piccolo e alla piccola di dividere il tesoro. Lo spot si chiude con i due che mangiano allegramente in compagnia della signora e con la presentazione del prodotto. Parliamone.

Continua a leggere

Kinder Pinguì – La Donna ci Piace Così

Per la coerenza e la costanza delle dinamiche stereotipate delle sue comunicazioni, al tempo dedicai un post-raccolta a quest’azienda. Da allora però, è uscito qualche altro spot, che non si è per nulla discostato dai precedenti. Anzi, se possibile, aggiunge in negativo. Guardiamo insieme la nuova pubblicità di Kinder Pinguì.

Sulle note di un’allegra canzone osserviamo una donna lasciare il posto di lavoro, pedalare insieme a figlio e figlia, prepararsi a portare fuori il cane, raccogliere i panni da lavare. Ma niente può rovinare il suo buonumore, che contagia anche i vicini. Meno male che c’è Kinder Pinguì che le permette di togliersi dalle sca—tenere bimba e bimbo occupati mentre si gode un momento per sé (poi raggiunta dai vicini). Parliamone.

Continua a leggere

Pasqua Senza Sorprese con Kinder Gran Sorpresa

Ogni anno la storia è pressoché la stessa. E il 2018 non fa eccezione.
È tempo di Pasqua, amici e amiche. Ne consegue che è tempo di Kinder Gran Sorpresa.
Il mio interesse – e astio – nei riguardi della genderizzazione delle sorprese Pasquali (e dei giocattoli in generale) è sorto ben prima che iniziassi a guardare le pubblicità con lo sguardo di adesso. La ragione è molto semplice: come altre, sono stata una bambina che preferiva giochi socialmente e culturalmente associati al maschile. Mi trovavo a desiderare i “per lui” e a ricevere mio malgrado dei detestabili (per me, si intende) “per lei” da chi, non conoscendomi, trovava che la cosa più intelligente da fare fosse trattarmi come la società insegna a trattare le bambine e che ciò che mi piacesse fosse ciò che la società incoraggia le bambine ad apprezzare. Ma bando alle ciance e passiamo subito agli spot.

Primo spot, prima categoria di sorprese. Nel soggiorno di un’abitazione, sotto lo sguardo amorevole e attento di una donna adulta, quattro bambine giocano con le sorpresine trovate nel Kinder Gran Sorpresa, tutte a tema SuperChicche (PowerPuff Girls). Andiamo avanti.

Continua a leggere