Pubblicità che Contrastano le Narrative Stereotipate

Ne è passato di tempo dall’ultimo articolo dedicato alle promozioni, eh?
Gli spot meritevoli di bocciatura sono talmente tanti, e in continuo aumento, che già star dietro solo a quelli è una bella impresa. Ciononostante, poiché desidero fortemente esprimere apprezzamento per le aziende che si distinguono, ho scelto di dedicare il post di oggi a quattro pubblicità recenti che ritengo meritevoli di promozione. Mi auguro di poter raccogliere presto materiale a sufficienza per trasformare l’articolo in una serie. Ma bando alle ciance e iniziamo subito la visione.

Desidero aprire la presentazione con questa meraviglia targata Sorgenia, azienda cui ho dedicato un articolo mesi fa e che continua a proseguire lungo un percorso comunicativo davvero splendido. Guardate un po’.

Continua a leggere

Mulino Bianco – Qualcosa di Stereotipato su cui Contare

Come probabilmente saprete, il connubio Banderas/Mulino Bianco è giunto al termine e l’ultima campagna del marchio ha lasciato dietro sé l’attore e produttore spagnolo per dar spazio a Nicole Grimaudo e Giorgio Pasotti, due interpreti Italiani. Il cambio di protagonisti avrà condotto a modifiche di natura contenutistica? Presto detto. Basterà dare uno sguardo ad alcuni degli spot più recenti per rendercene conto.


Mentre prepara le piadelle Mulino Bianco, Emma (Grimaudo) chiede a Giovanni (Pasotti) quanti saranno quella sera. Gli ospiti continuano ad aumentare, uno dopo l’altro, mentre la giovane prosegue nei preparativi. Incitando la compagna (“Ce la faremo”), Giovanni le molla altre piadine e la lascia a preparare, dileguandosi. Terminata la preparazione, giunge il momento della festa. Ecco che vediamo Giovanni entrare in campo col pasto, gridando a gran voce “Le mie piadelle”. Lo spot si conclude con Emma che esprime perplessità circa la natura di quella festicciola che, in origine, sarebbe dovuta essere una cosa intima. Meno male che son bastate le piadelle. Parliamone.

Continua a leggere