Vicks Flu Tripla Azione – Uomini Fantastici e Dove Trovarli

Oggi torno a parlare di un marchio che si è meritato un posto nella mia lista nera grazie alla coerenza e al grado del suo sessismo. Dopo la donna che spalma il prodotto sul petto del suo compagno, come fosse un bambino o un individuo incapacitato, Vicks torna a farci visita con una nuova perla…sempre sessista. Vediamola.

Con una musica intensa, da colossal cinematografico, lo spot ci catapulta in un ufficio, dove una donna si lamenta per la sua influenza a telefono con un uomo. Dopo averle detto di attendere, lui – che il narratore descrive come “uomo fantastico” – si precipita in ufficio lasciandosi pendere da un elicottero, come nei migliori film d’azione. Lo spot si conclude con la donna raffreddata che beve dalla tazza in cui l’uomo fantastico ha versato il prodotto con ghigno noncurante e pieno di sé. Parliamone.

Continua a leggere

Vicks: Contro i Sintomi del Raffreddore, Pro Sessismo e Stereotipi di Genere

Salve a tutti, carissimi e carissime! Come l’esperienza di osservazione degli spot ci ha insegnato, la rappresentazione della figura femminile è ancora profondamente legata a stereotipi di genere tradizionali che la ancorano ai seguenti ambiti in particolare: faccende domestiche (pulizia in primis), cura dei bambini e cura dell’aspetto. Quello che va a coprire lo spot su cui intendo soffermarmi in quest’articolo è un aspetto lievemente diverso dai tre nello specifico, ma che percorre la stessa linea di domesticità, proponendo la famigerata figura di donna regina del focolare. Ringraziamo (ironicamente) Vicks per questa perla e diamole un’occhiata.

Vediamo un po’. Cos’abbiamo qui?
Due membri di una famiglia composta da quattro persone – un bambino e suo padre – si son beccati una bella influenza. Ouch! Come fare? Come affrontare questa tremenda evenienza? Semplicissimo. Quando i sintomi del raffreddore non fanno dormire la tua famiglia – la tua di te donna, si intende – affidati tranquilla a Vicks Vaporub, che è pronto a salvarti dai guai. E così vediamo la nostra protagonista che, sfoggiando espressioni di serenità e soddisfazione (che sono, realisticamente, le stesse che chiunque assumerebbe nelle stesse circostanze, no?), utilizza il prodotto pubblicizzato su suo figlio e suo marito.
Scelte grafiche e verbali interessanti, non trovate?
Continua a leggere