Kia – The Power to Objectify

Oh, voi pie anime che temevate che si fosse smesso di puntare sul binomio donne-auto, Kia è giunta in vostro soccorso, pronta a donarvi il comfort della sgradevole tradizione con la pubblicità del suo Sportage. Guardiamola insieme.

Un barbuto giovane siede in solitudine a un tavolino, in attesa. Il nostro prode eroe non sarà solo per molto. Prima arriva la rossa, poi arriva la blu. Le due Kia Donnage (interpretate dalla conduttrice Diletta Leotta) circondano il protagonista, positivamente sorpreso dalla loro presenza. Parliamone.

Continua a leggere

Amaro Lucano – Cosa vuoi di più dalla vita? Oggettivazione

Non ditemelo. Non ci vedete più dalla sete, eh? Lo sapevo.
Eccomi dunque puntuale per offrirvi cordiale consiglio su una bevanda da cui stare alla larga. Mettiamo da parte la birra per riabbracciare l’altro nettare alcolico che tanto piace associare al maschile. A offrire un virile abbraccio appassionato ad Averna e Unicum, arriva Lucano. Vediamo lo spot.

Nel tentativo di afferrare il libro che desidera, un uomo fa cadere una pila di testi. Rapido e brusco stacco dell’inquadratura su…uno stacco di coscia. L’uomo squadra Cosce fino a raggiungere Viso e concludere che “è bellissima”. Ma al protagonista non basta che Bellissima si sia fermata per lui. Vuole anche un Lucano. Bellissima concorda, ed ecco che i due son fuori a intendersela bevendo Lucano. E alla fine lui si sveglia tutto sudato, e…Ah, no. Finisce al ristorante. Parliamone.

Continua a leggere

Pop Caffè. Momenti di Banale Sessualizzazione

Oggi torna a farci visita una tipologia di prodotto già trattata, sebbene non sia tra quelle che vantano le presenze maggiori sul blog. Parlo di una bevanda per la quale nutro un certo amore, e che a maggior ragione vorrei veder pubblicizzata in modo creativo, intelligente e rispettoso. Quello proposto da Pop Caffè è un esempio perfetto di cosa non fare. Vediamo perché.

Mentre una voce maschile più adatta alla pubblicizzazione di una linea erotica che di qualsiasi altra cosa1 ci comunica che bisogna assicurarsi che il caffè sia un mix fantastico di aromi e profumi, vediamo un giovane uomo che reagisce spiacevolmente al saluto di un’incappottata conoscente. Ma mentre il caffè vien fuori, lo stesso fa l’incappottata, che mangia con gli occhi l’ora interessato uomo. Lo spot si chiude con la parlata erotica del narratore che lega a questo Pop Caffè momenti di intenso piacere…

Continua a leggere

L’oggettivazione è arrivata nei 3 Store

A me l’attenzione, lettrici e lettori. Quest’oggi tratteremo un ambito che, se la memoria non m’inganna (e potrebbe ingannarmi), non ha ancora fatto il suo ingresso all’interno del blog: la telefonia. Il dono pubblicitario ci è stato fatto da 3. Guardiamolo.

Una signora elegantemente abbigliata sfila per le vie della città, mentre un signore casualmente abbigliato è fermo all’interno di un negozio a fissare lo schermo del suo telefono. Per qualche ragione un giovane uomo si volta a seguire la signora sfilante, mentre due ragazze decidono di fotografarla. Le acque dei presenti e delle presenti si aprono al passaggio della protagonista, che raggiunge il signore e gli toglie il telefono dalle mani. Tutto ciò per promuovere le offerte tariffarie della gamma 3, che consentono di ottenere iPhone XR con anticipo zero. Lo spot è prodotto da The Family, per l’agenzia WHAM e con la regia di Matteo Bonifazio. Parliamone.

Continua a leggere

Aimont – La Scelta Oggettivante

L’articolo di oggi è dedicato a un prodotto e a un’azienda del tutto nuovi per il blog. E se mi trovo qui a scriverne è solo grazie alla preziosa segnalazione di Irene, che ringrazio di cuore. Ma basta chiacchiere. Guardiamo immediatamente la pubblicità.

Un uomo fa jogging in un parco, quando si scontra con due giovani donne che sghignazzano tra loro osservando in direzione della parte bassa del suo corpo. Il protagonista è confuso. Passa oltre altre donne, messe in posa in modo del tutto naturale, e per qualche ragione pensa che sia una buona idea rivolger loro un sorriso. Anche queste, però, iniziano a deridere il nostro uomo come le prime. Arriva un’altra giovane jogger. A precedere la sua, di risata, c’è un’espressione di shock. Mentre cerca di capire per cosa lo deridano tutte queste donne, il protagonista guarda verso il basso e…inciampa. Stava correndo con le ciabatte. Per ogni attività c’è la scarpa giusta, ci dice il narratore. Poi si passa alla spiegazione delle caratteristiche delle scarpe Aimont e si chiude con il protagonista che le sfoggia sicuro di sé. Parliamone.

Continua a leggere